header abs

ABS

1. L’azienda
ABS – Acciaierie Bertoli Safau SpA nasce nel 1988 dalla fusione di due acciaierie di lunga esperienza ed alta qualificazione, le Officine Bertoli – fondate nel 1813 – e Safau, le cui origini risalgono al 1934. Appartenente al Gruppo Danieli, ABS è specializzata nella produzione di acciai speciali di eccezionale qualità. La secolare esperienza nella siderurgia, unita alla ricerca costante nell’innovazione dei prodotti e dei processi produttivi, hanno consentito alla società di raggiungere una posizione di leadership a livello internazionale.
Negli stabilimenti produttivi di Pozzuolo del Friuli (UD) lavorano direttamente circa 1.100 persone (altre 300 sono coinvolte con l’indotto) che producono ogni anno oltre 820.000 tonnellate di acciaio.

2. L’esigenza di sostenibilità
Quello siderurgico è sicuramente uno dei settori produttivi in cui la problematica dell’impatto ambientale si è fatta sentire negli anni in maniera più evidente. Questo anche a causa di alcune cattive gestioni della sicurezza interna e delle emissioni nocive sul territorio, che sono arrivate ad occupare le prime pagine dei giornali.
Il settore, inoltre, presenta una legislazione molto articolata e sempre più stringente sia a livello nazionale sia a livello europeo e internazionale.
Il percorso di sostenibilità ABS nasce, quindi, non solo per ottemperare ai quadri normativi di riferimento ma, principalmente, per rispondere a un sentimento comune che vede nel settore metallurgico uno dei business “grey” per antonomasia.
Proprio per questo il progetto di sostenibilità non punta alla costruzione di un’argomentazione di vendita ma al riposizionamento di un percepito di settore e della reputazione aziendale. I destinatari principali dell’azione di comunicazione di sostenibilità conseguente non sono i clienti, come potrebbe risultare naturale, ma la collettività di riferimento e gli enti di controllo relativi.
ABS, però, non ha limitato l’approccio di sostenibilità agli aspetti ambientali ma ha esteso gli interventi anche alla sfera sociale riservando particolare attenzione al clima organizzativo, al welfare interno e alla sicurezza dei lavoratori e assicurando un supporto diretto e concreto alle attività della comunità locale.

3. La risposta dell’azienda
Essere sostenibile è nel dna di ABS e il percorso di sostenibilità dell’azienda parte dalla volontà di sovvertire il paradigma che vede il mondo dell’acciaio come inquinante e pericoloso.
Negli ultimi anni l’azienda ha investito oltre 50 milioni di euro per far sì che tutti gli impianti possano garantire i più elevati standard ambientali e di sicurezza; rispettando, e in molti casi anche anticipando, le prescrizioni delle più severe normative nazionali e internazionali.
Il progetto di crescita sostenibile di ABS non vuol dire solo però salvaguardia dell’ambiente, ma anche gestione responsabile dei rapporti con le persone e con il territorio. Essere sostenibili per ABS vuol dire anche dare attenzione massima alle persone e questo di concretizza con lo sviluppo di numerose attività di welfare aziendale e l’adozione i un innovativo sistema di sicurezza, che ha portato a ridurre il numero e la gravità degli infortuni.

4. La comunicazione
Il rispetto dell’ambiente, l’attenzione alla sicurezza, la spinta sugli aspetti sociali sono un bene di tutti. Questo il presupposto posto alla base dell’attività di comunicazione della sostenibilità ABS.
Da qui la volontà di intraprendere un dialogo continuo con i propri stakeholders.
Da qui la nascita del progetto ABS – Acciaio Bene Sostenibile – basato su:

album della sostenibilità, un libro in grado di parlare a un pubblico ampio e diversificato.
evento di inaugurazione del bosco e delle colline di mitigazione
road show della sostenibilità in collaborazione con i Comuni, Università di Udine e Udinese Calcio
ufficio stampa
eventi con le scuole
open house