Le ultime news

logo soccol

Anche lo Studio Legale Soccol entra nel progetto Sintesi Sostenibile

“L’impresa che desidera essere sostenibile non può soltanto dichiararlo: deve anche porre adottare dei sistemi che le permettano di verificare che effettivamente vi sia coerenza tra quanto è manifestato e quanto realizzato. Il diritto diventa lo strumento per consentire all’impresa di esercitare un controllo su aspetti strategici della sostenibilità”: questa la mission di sostenibilità dello Studio Legale Soccol.
Un approccio che si sposa pienamente con la filosofia del progetto Sintesi Sostenibile e che non poteva non portare a un suo coinvolgimento diretto a “copertura” di un’area tanto strategica quanto fondamentale come quella normativa e legale.

Lo Studio Legale Soccol ha affinato negli anni le tecniche di valutazione del rischio legale (cd. Legal Risk Management), individuando le aree in cui risiede il rischio legale, al fine di procedere alla sua eliminazione, o quanto meno, alla sua riduzione.
Tale approccio permette di mappare, individuare, analizzare e valutare, elaborare e monitorare tutte le aree dell’impresa, e non solo.
Nel caso in cui l’imprenditore utilizzi dei subfornitori (cd. contoterzisti) per la produzione dei propri beni o servizi, l’applicazione del Legal Risk Management, consente di controllare anche coloro che non sono strettamente all’interno dell’impresa, ma che svolgono attività in nome e per conto di essa.
L’approccio diventa sistemico: non soltanto la singola realtà imprenditoriale, ma anche tutte le imprese che sono in qualche modo connesse, in quanto rientranti nella filiera produttiva. Ecco che, anche in tema di sostenibilità, diventa essenziale non fermarsi alla singola impresa ma volgere lo sguardo all’intero processo.

Lo Studio Legale Soccol, ai fini della sostenibilità, utilizza il Legal Risk Management per:

1)     L’analisi dei processi decisionali dell’impresa nel settore ambientale ai fini della redazione e implementazione del Modello di organizzazione e di gestione ai sensi del d.lgs. 231/2001, parte ambiente;

2)     Il controllo della filiera produttiva mediante la regolamentazione contrattuale dei rapporti con i subfornitori.

L’inserimento di protocolli o di contratti non è sufficiente a garantire che effettivamente l’impresa sia sostenibile. È necessario introdurre un sistema di controlli al fine di verificare l’applicazione dei protocolli e dei contratti. All’interno dell’impresa tale attività è svolta dall’Organismo di Vigilanza (in caso di adozione del Modello di organizzazione e di gestione ai sensi del d.lgs. 231/2001), mentre nei confronti dei subfornitori è necessario pianificare degli audit.
Accanto alla sostenibilità ambientale, ricopre un ruolo sempre più importante la sostenibilità sociale, ovvero il fare impresa considerando l’impatto che tale attività ha non soltanto sui propri dipendenti, ma anche sul contesto sociale.
Il fare impresa considerando che l’impresa è un valore, un patrimonio a sé stante rispetto all’imprenditore che va valorizzato.
Lo Studio Legale Soccol ai fini della sostenibilità sociale, propone di creare un Codice Etico che preveda dei principi e delle norme di comportamento che tutelino tutti i portatori di interessi dell’impresa; un Codice Etico che possa diventare il programma dell’impresa in tema di sostenibilità sociale.

www.studiolegalesoccol.it

copertina comunicare la sostenibilità

Disponibile il manuale Comunicare la Sostenibilità

La sostenibilità non rappresenta per le aziende una moda o un trend passeggero ma una direttrice di sviluppo necessaria per rispondere a un consumatore sempre più attento e a un quadro normativo sempre più stringente.
Il libro illustra come la sostenibilità, per rappresentare  un reale fattore competitivo, debba non solo basarsi su solide fondamenta tecnico-scientifiche ma debba essere inserita  tra gli elementi cardine del più generale orientamento aziendale diventando altresì una leva di marketing distintiva che va adeguatamente comunicata.
Questi aspetti vengono approfonditi con un taglio estremamente pratico e concreto grazie anche all’analisi di numerose case history.
Il tutto con l’obiettivo di dimostrare che la sostenibilità è una scelta necessaria che va compiuta qui e ora e  non resta appannaggio solo delle grandi realtà aziendali o dei settori per vocazione più “green”.

Il libro – edito da FrancoAngeli – può essere acquistato cliccando qui

copertina comunicare la sostenibilità

ca_foscari_3

Laboratorio sulla comunicazione di sostenibilità alla Ca’ Foscari Summer School

Sono apere le iscrizioni per il laboratorio “La comunicazione della sostenibilità” ideato e condotto da Federico Rossi (head of strategy di Sintesi Comunicazione) e inserito nel calendario di attività della Ca’ Foscari Summer School.
Il laboratorio, della durata di 12 ore suddivise in tre mezze giornate, analizzerà la comunicazione della sostenibilità nelle sue specificità e particolarità
Punterà a trasmettere gli elementi peculiari e differenziali rispetto alla comunicazione commerciale tradizionale, inserendola nel contesto più ampio della strategia aziendale.
Molto spazio verrà dedicato ai suggerimenti pratici e operativi su come gestire al meglio questa particolare area della comunicazione evitando i rischi di greenwashing e analizzerà alcune best practice italiane e internazionali.

Per info e iscrizioni clicca qui

foto-premi-2

Sintesi… comunicazione vincente

In una emozionante serata allo Zelig di Milano, Sintesi Comunicazione ha ottenuto due importanti riconoscimenti nell’ambito del premio “L’Italia che Comunica”, organizzato da Unicom, l’associazione di categoria che riunisce le principali imprese di comunicazione a capitale italiano.
Una prestigiosa giuria, composta dai responsabili marketing di alcune delle più importanti aziende nazionali, ha premiato Sintesi Comunicazione per la migliore direzione creativa sia nella categoria “L’italia che comunica la sostenibilità” con il progetto Acciaio Bene Sostenibile realizzato per le Acciaierie Bertoli Safau di Udine e nella categoria “L’Italia che comunica in partnership” per l’evento charity Waterfront Night in D# a Venezia realizzato, insieme a MGP&Partners di Milano, per OperationSmile Italia.
Due prestigiosi attestati a suggellare il successo di due progetti molto significativi che hanno fatto “vincere” sul campo le due aziende committenti.

clicca qui per vedere la case history ABS
clicca qui per vedere la case history Waterfront Night

foto-2-1024x768